Il volume di Bitcoin non è influenzato dalla posizione dominante del mercato di Tether (USDT) - I dati mostrano

  • Home
  • Bitcoin
  • Il volume di Bitcoin non è influenzato dalla posizione dominante del mercato di Tether (USDT) – I dati mostrano

Lo stablecoin USDT di Tether domina i volumi del mercato cripto ma i dati mostrano che il suo tetto di mercato di 15,7 miliardi di dollari non ha un impatto negativo sul volume di Bitcoin. La stablecoin di Tether (USDT) è da oltre diciotto mesi la coppia di base principale per le valute crittografiche.

Si tratta di un’impresa piuttosto impressionante se si considera il caso giudiziario in corso con il procuratore generale di New York e le altre frequenti voci secondo cui l’USDT non è sufficientemente supportato o soggetto alla portata delle autorità di regolamentazione.

L’USDT è stato anche lo stablecoin dominante in Cina, anche se il Paese ha vietato gli scambi di criptovalute nel 2017. Questo perché grandi scambi come Binance, Huobi e OKEx si sono rivolti allo stablecoin come coppia di base principale.

Vale anche la pena di notare che concorrenti come USD Coin (USDC), TrueUSD (TUSD) e Paxos Standard (PAX) hanno avuto una capitalizzazione combinata di 520 milioni di dollari nel giugno 2019. Nello stesso periodo, la USDT aveva già accumulato una capitalizzazione di mercato superiore a 3,1 miliardi di dollari.

Negli ultimi 15 mesi, il market cap di Tether è cresciuto fino a 15,7 miliardi di dollari, mentre i quattro maggiori concorrenti hanno raggiunto i 4,1 miliardi di dollari. Indipendentemente da tutte le polemiche sul sostegno del dollaro, la USDT ha detenuto una quota di mercato di quasi l’80% di tutti gli stablecoin sostenuti da fiat.

Una storia quasi identica si nota nei volumi di trading, dove Tether domina con un vantaggio del 75%.

I dati di CryptoCompare mostrano che negli ultimi tre mesi USDT ha detenuto una quota di mercato in volume di quasi il 73%. Prima di approfondire l’indagine, va detto che le cifre variano a seconda del fornitore di dati, in quanto alcune borse sono spesso escluse a causa della mancanza di trasparenza.

Nonostante queste indiscrezioni, il responsabile della ricerca di CryptoCompare, Constantine Tsavliris, ha spiegato che:

„In termini di trading Bitcoin in USDT o altri stablecoin equivalenti come USDC o PAX, non abbiamo visto uno spostamento significativo in termini di volume“.

Una stablecoin on-rampa è irrilevante per il prezzo del Bitcoin

La maggior parte dei trader si è abituata ad usare Bitcoin (BTC) come porta d’accesso principale alle valute crittografiche. Questa soluzione potrebbe essere stata l’unica, o almeno, la più liquida per la maggior parte dei trader nel 2017 o 2018, ma con la crescita del mercato stablecoin, i volumi su altcoin abbinati a USDT sono aumentati.

Una più ampia offerta di coppie altcoin ha seguito i maggiori volumi di stablecoin, e come Coinbase, Huobi e Binance hanno lanciato le loro proprie stablecoin, questa tendenza ha accelerato.

Sarebbe sbagliato dedurre che la diminuzione dell’uso di Bitcoin Evolution come principale rampa per la cripto-valuta sia dannosa per il suo prezzo. Coloro che acquistano BTC come pass-through potrebbero averne aumentato il volume, ma hanno usato la stessa quantità per venderla in seguito in cambio di altcoins.

Inoltre, anche se si usano gli stablecoin come soluzione principale sulla rampa, alla fine, parte di questo flusso si riverserà su Bitcoin. Inoltre, la maggior parte degli asset cripto non sono concorrenti diretti delle proposte di valore e di scarsità di BTC.

Ad esempio, il grafico qui sopra mostra 26,6 milioni di dollari in uscita da Chainlink (LINK) a BTC nelle ultime 24 ore. Un trend simile si è verificato con gli altercoin rimanenti, a conferma che Bitcoin non sta perdendo volume, dato che gli stablecoin si affermano come le coppie di base dominanti.

Analizzando il volume combinato del mercato delle criptovalute, si può determinare se le monete stabili hanno aumentato la quota di mercato complessiva o semplicemente sottraendo mercati al Bitcoin.

Il grafico qui sopra è probabilmente sorprendente anche per i trader che hanno vissuto la bolla di fine 2017. Il picco medio giornaliero di 36,6 miliardi di dollari del gennaio 2018 potrebbe essere stato eccessivo in quel momento, ma è piuttosto timido se paragonato all’attuale livello di 100 miliardi di dollari.

Indipendentemente dal fatto che i volumi falsificati incidano o meno su questa visione, possiamo notare che, proporzionalmente, c’è stato un aumento considerevole. Questa crescita di volume coincide con l’emissione di stablecoin da 3,6 miliardi di dollari nel giugno 2019 agli attuali 18,9 miliardi di dollari.

La dominanza dei volumi è un fattore chiave

Michael Saylor, co-fondatore e CEO di MicroStrategy, ritiene che l’utilizzo primario di BTC sia la valuta di riserva. Pertanto non è in concorrenza con gettoni come l’Ethereum (ETH) e le monete stabili.

A differenza dei tradizionali dati di dominio Bitcoin basati sulla capitalizzazione di mercato, l’analisi di Saylor include solo monete basate su meccanismi di prova. Anche se si confronta il volume del Bitcoin con una base di attività più ampia, esso corrisponde alla somma delle prime 20 monete altcoin quando si analizza il volume trasparente.

Tenendo conto di questi dati, si può affermare con certezza che le monete stabili non sono concorrenti di Bitcoin in termini di capitalizzazione di mercato o di volumi.

Tsavliris ha spiegato che ritiene che questo sia il caso perché:

„Per le altcoin top negli ultimi mesi, i volumi non si stanno necessariamente allontanando dai mercati di BTC. Piuttosto, sono offerti e utilizzati in tandem con i mercati USDT. I mercati USDT sono interessanti perché offrono generalmente una liquidità superiore a quella dei mercati BTC nella maggior parte delle borse“.